Commenti del forum

dubbi su TEE
In Corso Energy Manager
giasavino
21 apr 2021
Gli obiettivi di riduzione dei consumi energetici imposti ai soggetti obbligati o volontari sono definiti dal DM 11 gennaio 2017 in 11,19 milioni di tep di energia primaria per il 2020, pertanto gli obiettivi vanno sempre determinati in energia primaria e quindi quantificati in tep. Ne scaturisce che se un utente ad esempio di energia elettrica risparmia 10.000 kWh in termini di energia finale consente di far risparmiare al proprio gestore 1.9 tep di energia primaria questi ultimi deducibili dal fattore di conversione definito dal mix energetico di produzione di quel determinato kWh. L’energia risparmiata resta comunque contabilizzata esclusivamente in termini di energia primaria. In merito alle taglie minime, per poter accedere ai TEE con progetti a consuntivo, occorrerà dimostrare, attraverso il monitoraggio, di aver risparmiato in un anno almeno 10 tep, mentre per i progetti standardizzati, essendo i risparmi già quantificati dalle schede degli interventi, basterà dimostrare di aver effettuato gli interventi previsti dalle schede standardizzate, superando ovviamente la taglia minima prevista di 5 tep. In merito ai soggetti accreditati per le diagnosi energetiche è necessario evidenziare che, mentre le ESCO e gli EGE devono essere certificati rispettivamente ai sensi delle UNI CEI 11352 e UNI CEI 11339 per l’Auditor Energetico non è ancora previsto una procedura di certificazione, e pertanto ad oggi i soggetti abilitati risultano essere le ESCO o gli EGE.
1
0