in collaborazione con

Nell’ambito della collana CULTURA AFFACCIATI SUL GOLFO, UIS e NIB organizzano l’incontro con il dott. GEPPINO LAURIELLO "SPUNTI DA DUE FRASI FAMOSE: - Non è da tutti andare a Corinto, - Ci sarà un giudice a Berlino"

La partecipazione all'evento è gratuita, tuttavia occorre richiedere un ticket connettendosi alla pagina tickets di questo sito e compilare l’apposito modulo. Il numero di posti è limitato e, dunque, non è garantito il posto a sedere, essendo data la priorità a chi si prenota. Il nominativo fornito nel modulo rappresenta la credenziale per l’accesso alla stazione marittima.

L'oratore

Il dott. Geppino Lauriello, scrittore e studioso del mondo antico, è affabulatore di gran classe che affronta temi storici con descrizioni dotte ed incisive e, tuttavia,  nel contempo è abile a trasferire i fatti con leggerezza e ironia, coinvolgendo l’ascoltatore. 
Geppino Lauriello è primario emerito di bronco pneumologia,  storico medico, cultore della Scuola medica salernitana (numerosi articoli e cinque traduzioni e commento di testi salernitani inediti). E’ autore di 20 monografie a stampa, premio internazionale per la storia della medicina e medaglia d'oro per la poesia satirica medica.

DOTT. GEPPINO LAURIELLO

SPUNTI DA DUE FRASI FAMOSE

Orazio, nel 1° libro delle Epistole,  a proposito della difficoltà per un condottiero di raggiungere un’alta posizione sociale, non possedendo tutti uguale capacità di compiere grandi imprese e quindi di compiacere il popolo, esclama: “Non è da tutti andare a Corinto”, riportando un antico adagio greco già citato da Strabone. Corinto, situata sull'istmo che separava il mar Ionio dall'Egeo, a metà strada tra Atene e Sparta, traeva da questa posizione privilegiata un grande sviluppo economico e commerciale. Città ricca e vivace, era caratterizzata da uno sfrenato stile di vita, ma molto costoso e non accessibile a tutti. Da qui la frase di Orazio.La metafora sul mugnaio di Potsdam dello straordinario drammaturgo tedesco Bertold Brecht ci disvela quale sia la funzione più nobile e profonda della magistratura: il suo essere argine all’arbitrio del potere e, pertanto, baluardo dei diritti del cittadino. Senza dubbio, la frase invoca il coraggio delle proprie azioni e la speranza in una giustizia imparziale ed è volta a testimoniare la necessità di trasmettere valori di integrità e onestà alle nuove generazioni, infondendo un profondo senso di responsabilità e di partecipazione alla vita civile.

- NON e' da tutti andare a corinto

- ci sarà un giudice a berlino

PERLE DI CULTURA SUL GOLFO

UNI IN STRADA è volta a favorire l’immissione nel mondo del lavoro dei giovani, nel rispetto degli studi compiuti ma avendo ben in vista le esigenze palesate dal mondo lavorativo. Abbiamo inteso, fin dal principio, affrontare questo compito per i giovani con i giovani, mettendo in risalto la loro voglia di agire, il loro entusiasmo, i loro sogni. D’altra parte, la nostra esperienza vuole affiancare, assecondare, guidare i giovani per poterne capitalizzare le attitudini culturali, tecniche e scientifiche, ma anche le loro qualità umane. Perché siamo convinti che nessuna organizzazione è in grado di sopravvivere e crescere senza una solida base di valori. In quest’ottica, UNI IN STRADA unitamente a NEW ITALIAN BLOOD, suo naturale partner, propone la collana "PERLE DI CULTURA SUL GOLFO", affiancando agli eventi tecnico-scientifici, usualmente organizzati, anche perle di cultura umanistica. 
Infatti, tra le finalità di UIS c’è la valorizzazione della cultura a tutto tondo, senza confini convenzionali. Ne è un esempio il nostro stesso territorio, da sempre caratterizzato da popoli diversi con il loro bagaglio di saperi, di tradizioni, di religioni e di filosofie di vita. Popoli con culture difformi, spesso raffinate e intimamente moderne, ancora oggi fondamento della civiltà occidentale. 
Il golfo di Salerno, già etrusco e greco, è stato da sempre protagonista attivo delle vicende multietniche e multiculturali che hanno contribuito a formare l’identità italica e mediterranea. 
Per questo, ci è piaciuto avere la stazione marittima, simbolo di architettura senza tempo affacciato sul  Mediterraneo, quale teatro di una collana di incontri culturali senza tema fisso ma che esibiscono sullo sfondo l’idea di imparare dal passato per migliorare il futuro. 
La collana, pur ammiccando l’occhio ai giovani, è dedicata a chi per passione, o anche solo per curiosità, vuole ripercorrere, momenti e situazioni del passato remoto, illustrati in maniera fruibile e interpretati in chiave attuale e futura.

LA STAZIONE MARITTIMA DI ZAHA HADID

UNI IN STRADA

sede Legale

C/O Centro Formazione Professionale C.S.P.

Via Marco Nonio Balbo n. 48

84014, Nocera Inferiore 

©2019 by GC